Accolto il ricorso di oltre 200 famiglie romane contro la decisione del Campidoglio: stop agli aumenti per l’anno scolastico in corso
di Claudia Voltattorni

Hanno vinto i passeggini. Quelli che lo scorso ottobre hanno riempito piazza del Campidoglio per protestare contro l’aumento senza preavviso delle tariffe degli asili nido comunali. Il Tar lunedì ha dato loro ragione: annullati gli aumenti per l’attuale anno scolastico 2014-2015. Il tribunale amministrativo ha confermato la sospensiva e accolto il ricorso contro la decisione del Campidoglio – approvata nel bilancio di previsione 2014 a iscrizioni gia’ avvenute (era il primo agosto) – promosso da oltre 200 famiglie, dal Forum delle associazioni famigliari del Lazio e dall’Age, con la successiva adesione del Codacons.

«Vittoria delle famiglie»

«Questa e’ la vittoria di Davide contro Golia. Le famiglie hanno dimostrato che compatte e concrete possono vincere contro tutti, anche contro le ingiustizie di un sindaco che non ha a cuore le sorti delle famiglie della sua città», esulta Gianluigi De Palo, capogruppo di Cittadini X Roma, organizzatore della manifestazione dei passeggini in Campidoglio e promotore del ricorso al Tar insieme alle famiglie. In Aula, spiega De Palo, «sono stato preso in giro piu’ volte dal primo cittadino che mi chiedeva dove fossero i passeggini: questa vittoria mostra quanto Marino sia lontano dalle vere priorità della città. È solo l’inizio, ora ci impegneremo a portare di nuovo le persone in piazza per una rivisitazione delle tariffe dei nidi, che cosi’ com’e’ stata concepita- conclude il consigliere- da settembre metterà in difficolta’ chiunque abbia un figlio al nido».

Approfondimento dalla stampa