Ho aspettato prima di scrivere di quello che è successo la notte del Referendum, si dice che a mente fredda si ragiona meglio e lasciar passare del tempo permette di vedere le cose in maniera più chiara e obiettiva.

La prima cosa che desidero fare è ringraziare tutti i Cittadini che hanno contribuito con il loro NO insieme a Noi a raggiungere questo risultato: SI 40,9% NO 59,1% , risultato che è andato ben oltre quello che mi aspettavo.

L’esito di questo referendum mi fa pensare principalmente:

  1. Che con una partecipazione del genere i Cittadini hanno dimostrato di volere tornare a scegliere chi deve governarli;
  2. Che i contenuti della riforma avevano per Noi una grande importanza, ma se andassero bene o meno non era il luogo adatto per discuterne, e in molti hanno votato a favore o contro Renzi;
  3. Che molti Cittadini hanno espresso il loro disappunto nei confronti del Presidente del Consiglio e dei suoi ministri che hanno usato le Istituzioni per il loro esclusivo progetto di potere;
  4. Che i giovani sono stati i maggiori sostenitori del NO al referendum, conclamando il fallimento di questa giovane e arrogante classe politica;
  5. Che Renzi vuole accreditarsi agli occhi dell’opinione pubblica come l’unico leader credibile, si è dimesso, ma subito dopo ha congelato le sue dimissioni, con il bene placido del Presidente Mattarella;
  6. Che Renzi agli occhi dei Cittadini è risultato un politico irresponsabile che non porta a termine i suoi impegni.

In conclusione vorrei sottolineare che il vero vincitore morale di queste elezioni è il popolo, che vuole tornare a VOTARE, DECIDERE e CONTARE.

Gerardo Valentini